Portale Trasparenza Comune di Pomigliano D'Arco - "Norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento"

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Riferimenti normativi su organizzazione e attivitā

"Norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento"

Tipologia: Legge
Numero: 219
Data promulgazione: 22-12-2017
Argomento della Normativa: Organizzazione dell'Ente

TESTAMENTO BIOLOGICO:

Nella Gazzetta Ufficiale del 16 gennaio 2018, n. 12 è pubblicata la l. n. 219/2017 recante norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento.

IL CONSENSO INFORMATO. In primo luogo la legge si pone l’obbiettivo di promuovere e valorizzare la relazione di cura e di fiducia tra paziente e medico attraverso il consenso informato. Infatti è previsto che ogni persona ha il diritto di conoscere le proprie condizioni di salute e di essere informata in modo completo in merito alla diagnosi, alla prognosi, ai benefici e ai rischi degli accertamenti diagnostici e dei trattamenti sanitari ed anche riguardo alle possibili alternative e alle conseguenze dell'eventuale rifiuto del trattamento sanitario.

Inoltre grazie al consenso informato il paziente può rifiutare in tutto o in parte di ricevere le informazioni ovvero indicare una persona di sua fiducia o un familiare incaricati di riceverle e di esprimere il consenso in sua vece. Il consenso informato è inserito nella cartella clinica e nel fascicolo sanitario elettronico e può essere revocato o modificato in qualsiasi momento.

Infine all’interno della legge è prevista la possibilità di pianificazione delle cure condivisa tra medico e paziente, nonché una maggiore tutela per i minori, gli interdetti e gli inabilitati.

DAT. Un’altra novità, contenuta nella disposizione legislativa, è sicuramente la possibilità per ogni persona maggiorenne e capace di intendere di volere di esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari attraverso le disposizioni anticipate di trattamento, in vista di un eventuale futura incapacità di autodeterminazione.

Il medico è tenuto a rispettare le dichiarazioni anticipate di trattamento che possono essere disattese, in tutto o in parte, solo qualora appaiano palesemente incongrue o non corrispondenti alla condizione clinica del paziente ovvero sussistano terapie non prevedibili all’atto della sottoscrizione capaci di offrire concrete possibilità di migliorare la qualità di vita del disponente.

Nella legge si prevede, infine, la possibilità di nominare una persona di fiducia, c.d. fiduciario, tramite la sottoscrizione da parte del paziente all’interno delle disposizioni anticipate di trattamento. Il nominato avrà il compito di rappresentare il paziente nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.

La legge ribadisce il principio per cui nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge. Il cuore della legge è l'introduzione della disciplina delle Dat, disposizioni anticipate di trattamento, con le quali le persone possono dare indicazioni sui trattamenti sanitari da ricevere o da rifiutare nei casi in cui si trovassero in condizioni di incapacità.

Contenuto inserito il 09-02-2018 aggiornato al 09-02-2018
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Municipio 1 - 80038 Pomigliano D'Arco (NA)
PEC comune.pomiglianodarco@legalmail.it
Centralino +39.081.5217111
P. IVA 00307600635
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:
Il progetto Portale della trasparenza č sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it