Portale Trasparenza Comune di Pomigliano D'Arco - VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI

Responsabile di procedimento: Iasevoli Francesco
Responsabile di provvedimento: Romano Gelsomina
Responsabile sostitutivo: Sasso Stefano

Uffici responsabili

SUAP E SVILUPPO ECONOMICO

Descrizione

VENDITA DI PRODOTTI AGRICOLI:

  • Procedimento valido per:
  • azienda agricola
  • coltivazione
  • silvicoltura
  • allevamento
  • vendita prodotti agricoli
  • imprenditore agricolo
  • produttore agricolo

Gli imprenditori agricoli, singoli od associati, secondo la formulazione dell’art. 2135 del C.C. esercitano:

  1. attività di coltivazione del fondo, silvicoltura, allevamento di animali;
  2. attività connesse e precisamente:
    1. dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione di prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione o dall'allevamento;
    2. dirette alla fornitura di beni o servizi mediante utilizzo prevalente di attrezzature o risorse dell'azienda normalmente impiegate nell'attività agricola, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale o forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità.

Gli imprenditori agricoli, singoli o associati, iscritti nel registro delle imprese di cui all'art. 8 della  legge  29 dicembre 1993, n. 580, possono vendere direttamente al dettaglio, in tutto  il territorio della  Repubblica:

  • i prodotti provenienti in misura prevalente dalle rispettive aziende, osservate le disposizioni vigenti in materia di igiene e sanità;
  • i prodotti derivati, ottenuti a seguito di attività di manipolazione o trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici, finalizzate al completo sfruttamento del ciclo produttivo dell'impresa.

Le attività di trasformazione e commercializzazione hanno natura agricola purchè i prodotti siano stati ottenuti prevalentemente nella propria azienda e quelli acquistati presso terzi abbiano una funzione di accessorietà rispetto ai prodotti propri.
A titolo esemplificativo: 1) l’attività di macellazione si considera agricola se gli animali macellati sono stati allevati in tutto o almeno in misura prevalente, nell’azienda agricola che effettua la macellazione; 2) l’acquisto di vino da taglio per mescolarlo a vino di propria produzione rientra nell’attività agricola; 3) l’acquisto in vivaio di piantine già formate, purchè la successiva fase di produzione ne comporti una crescita quantitativa e qualitativa, rientra nell’attività agricola.
Esattamente all’opposto, sempre a titolo semplificativo, non rientrano nell’attività agricola: 1) l’acquisto di vino confezionato per rivendita diretta; 2) l’acquisto di una macchina spazzatrice dei sedimi stradali, che non viene utilizzata sul fondo; 3) la mera macellazione di animali acquistati da terzi.

Qualora l'ammontare dei  ricavi derivanti dalla  vendita dei prodotti non provenienti dalle rispettive aziende nell'anno solare precedente sia  superiore a 160.000 euro per  gli imprenditori individuali ovvero a 4 milioni di euro per le società, l’imprenditore agricolo viene automaticamente assoggettato alla disciplina del commercio al dettaglio, di cui alla normativa specifica.

Gli imprenditori agricoli iscritti nella speciale sezione del registro delle imprese possono esercitare la vendita al dettaglio, anche in forma temporanea, dei prodotti provenienti in misura prevalente dall'azienda agricola con più modalità:

  1. su superfici all’aperto nell’ambito dell’azienda agricola (per questa modalità di vendita non sono previsti adempimenti verso il SUAP, ma solo verso l'azienda per l'assistenza sanitaria);
  2. in locali aperti al pubblico;
  3. mediante commercio elettronico;
  4. mediante distribuzione automatica;
  5. su aree pubbliche con posteggio fisso;
  6. su aree pubbliche in forma itinerante;
  7. vendita e somministrazione di vino di produzione propria esclusivamente nei locali aziendali.

REQUISITI:

Per l’avvio o l’esercizio dell’attività sono necessarie due tipologie di requisiti:

a) REQUISITI SOGGETTIVI, che attengono all’impresa che gestisce l’attività (ditta individuale o società);

  1. Iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese di cui all’art. 2188 e seg. del C.C.
    L’iscrizione nel registro delle Imprese è il necessario presupposto affinchè gli imprenditori agricoli possano effettuare la vendita al dettaglio con le modalità del D. Lgs. 228/01.
  2. Requisiti morali di cui all’art. 4, comma 6 del D.Lgs. n° 228/2001, per i seguenti soggetti:
    - titolare dell’impresa individuale;
    - per le società di persone, tutti i soci;
    - per le altre persone giuridiche, tutti gli amministratori;
  3. Requisiti morali, previsti per i soggetti indicati dall’art. 85 del D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli artt. 1 e 2 della Legge 13 agosto 2010, n. 136).

b) REQUISITI OGGETTIVI, che riguardano invece i locali ove l’attività viene svolta.

Il DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69 Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia ha previsto che l'attività di vendita diretta dei prodotti agricoli  non comporta cambio di destinazione d'uso dei locali ove si svolge la vendita e può esercitarsi  su  tutto  il territorio comunale  a  prescindere  dalla  destinazione  urbanistica della zona in cui sono ubicati i locali a cio' destinati.

REGIME DI AVVIO

Prima di iniziare la compilazione consultare:

  1. le informazioni generali relative al regime per l'avvio dell'attività
  2. la SEZIONE I- ATTIVITA' COMMERCIALI E ASSIMILABILI-PUNTO 1 - Attività n. 1.9 pag. 21 -della tabella A allegata al 25 novembre 2016, n. 222, recante “Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124”.

 tabella A - legenda:

 

NORMATIVA:

Chi contattare

Personale da contattare: Iasevoli Francesco
Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no

Modulistica per il procedimento

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 12 mesi
Contenuto inserito il 04-08-2017 aggiornato al 04-08-2017
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Municipio 1 - 80038 Pomigliano D'Arco (NA)
PEC comune.pomiglianodarco@legalmail.it
Centralino +39.081.5217111
P. IVA 00307600635
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:
Il progetto Portale della trasparenza sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it